Chamber of Commerce of Bolzano

Simon Sparber

La maniglia dinamica

Angles 90 è la prima maniglia dinamica al mondo che rende gli allenamenti di resistenza più salutari ed efficienti. È stata inventata in Alto Adige ma viene utilizzata in tutto il mondo. Ecco la nostra intervista al fondatore meranese Simon Sparber.

Partendo dal principio per capire meglio: qual è il valore aggiunto della Sua maniglia da allenamento?
Simon Sparber: Grazie alla maniglia dinamica, gli atleti e le atlete possono allenarsi senza danneggiare le articolazioni e grazie alla posizione a 90 gradi non subiscono problemi nemmeno alle spalle, ai gomiti e ai polsi. Inoltre, l’allenamento diventa più funzionale e con dei cambiamenti soltanto minimali dell’angolazione di allenamento è possibile stimolare fibre muscolari che fino a quel momento erano inattive.

Com’è nata la Sua idea?
Sono stato un appassionato ginnasta per 20 anni, ma dopo un incidente sugli sci ho dovuto cambiare abitudini e adattarmi ai classici allenamenti in palestra. In quel periodo ho realizzato che molti attrezzi dispongono solo di un’impugnatura orizzontale fissa, che si può utilizzare come maniglia solo prendendola da sopra o da sotto. Il problema è che allenandosi in questo modo si ruotano le spalle oltre la loro posizione naturale, provocando così dolori alle spalle e alle articolazioni. Poi, nel gennaio 2017 mentre ero nella cantina di mia nonna, ho avuto l‘illuminazione. Ho trovato un vecchio bastoncino da sci da cui ho rimosso la maniglia, l’ho fissata con il classico laccio a una barra e ho iniziato ad allenarmi così.

Qual è stato il risultato?
Il primo tentativo è fallito miseramente perché la maniglia si è rotta. Tuttavia, avevo capito che di base la mia idea funzionava. In quel periodo stavo concludendo il mio Master in imprenditorialità a Monaco di Baviera e a Milano e ho iniziato a lavorare meticolosamente alla mia idea. Il primo design è stato progettato con degli esperti di ergonomia dell’Università Tecnica di Monaco di Baviera. A questo sono seguiti i primi prototipi, sviluppati da un libero professionista dell’America del Sud e realizzati grazie a una stampante 3D. Ho fatto provare ogni prototipo agli atleti e atlete della palestra e ho continuato a migliorarli.

angless90 griff

Quanto tempo ha impiegato a sviluppare la maniglia?
Circa sei mesi. Sono stato molto pignolo, finché la maniglia non è stata abbastanza adeguata per il primo test di vendita. Ho fatto provare 70 prototipi a oltre 300 sportivi e sportive. Queste prove per me sono state anche una conferma del fatto che la domanda sul mercato esiste. Tante start up investono molto tempo e denaro in un prodotto senza sapere se poi il mercato lo necessita realmente.

Ha brevettato la Sua maniglia?
Sì, ho richiesto la tutela di un brevetto di progettazione e poi è iniziata abbastanza velocemente la produzione in serie. Le maniglie vengono prodotte a Venezia, dove vengono anche imballate e spedite ai centri logistici di Bolzano, Berlino, Stati Uniti e Singapore.  Da lì poi raggiungono gli acquirenti.

Gestisce tutto da solo?
Il primo anno sì, ma ora sarebbe impensabile. Adesso fa parte del management anche Leander Leitner Dissinger di Bressanone, un caro amico e anche ex compagno di studi all’Università di Bolzano. Inoltre una collega ci aiuta con l’assistenza clienti. Quest’estate espanderemo ulteriormente il team.

Su quali piattaforme sono in vendita le Sue maniglie?
Le vendiamo in parte grazie al passaparola, soprattutto tramite video pubblicitari che carichiamo su Facebook e Instagram. Abbiamo più di 30.000 clienti e il potenziale di mercato da poter sfruttare è ancora alto. Abbiamo inserito nel nostro assortimento dei prodotti aggiuntivi, come delle fasce di resistenza simili a quelle TRX.

E come sta andando la sua avventura da imprenditore start up?
Molto bene. Ho sempre desiderato diventare un imprenditore, la vita da dipendente non fa per me. Mi piace molto vivere come un nomade digitale. Ad esempio, durante l’inverno lavoriamo per un paio di mesi dalla Thailandia o dall’Indonesia. Il resto del tempo siamo prevalentemente a Merano.

Was this information useful?
Average: 5 (3 votes)

Contact

Communication

0471 945 672