Chamber of Commerce of Bolzano
Manuela Plankensteiner

Manuela Plankensteiner

Ho cominciato da zero
Data:  Dicembre 2023

Manuela Plankensteiner è una donna per la quale probabilmente è stato inventato il termine “multitasking”. Avendo cominciato da zero nei settori dell’agricoltura e della gastronomia, ha seguito il suo istinto e ne è valsa la pena. Abbiamo parlato con lei sul suo entusiasmante percorso professionale e personale.

Signora Plankensteiner, Lei ha impostato la Sua azienda a conduzione familiare su più punti fermi. Come ci è riuscita? 
Manuela Plankensteiner: Il nostro maso chiuso appartiene alla famiglia di mio marito da circa 13 generazioni. All’inizio del nostro matrimonio, abbiamo portato avanti la produzione di latte e, oltre a ciò, sia io che mio marito dovevamo svolgere una seconda attività. La situazione è cambiata nel 1996, quando abbiamo aperto una piccola baita, dove abbiamo venduto bibite durante la stagione invernale. Nel 2001 l’abbiamo ampliata e l’abbiamo aperta anche in estate. Nel 2010 abbiamo ristrutturato il maso e siamo passati dalla produzione di latte a quella di carne. Per distribuire in maniera ottimale i nostri prodotti fatti in casa, dal 2016 disponiamo di uno spaccio aziendale, di un distributore automatico 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 e, naturalmente, della vendita online.

Un ampio spettro di attività, quindi?
Sì, ma naturalmente in famiglia ci dividiamo i compiti. Poiché il cambio generazionale è in pieno svolgimento, il referente principale dell’azienda agricola è nostro figlio Christian. Michael, invece, si occupa della malga e della cucina. In ogni modo, tutte le mansioni vengono svolte in collaborazione con me e mio marito.

C’è ancora margine per il tempo libero?
Certo, è un lavoro molto impegnativo. Da quando i nostri figli sono cresciuti, è tutto più semplice. Ci possiamo suddividere meglio il carico di lavoro in modo che la sera abbiamo del tempo libero e possiamo staccare. E alla fine, per quanto possa essere stressante a volte, il risultato ripaga tutti gli sforzi.

E per quanto riguarda la famiglia?
A parte nostra figlia, che vive a Monaco, viviamo ancora tutti sotto lo stesso tetto; quindi, abbiamo l’opportunità di scambiarci le opinioni e di trascorrere un po’ di tempo al di là dal lavoro. La colazione quotidiana con i “miei uomini” è sacra per me. Ciò significa che in pratica faccio colazione o prendo il caffè tre volte, perché ognuno si deve alzare a orari diversi.

La malga “Ütia Saraghes” nel cuore delle Dolomiti

Chi prende effettivamente le decisioni in un’azienda a conduzione familiare? Col senno di poi, le scelte si sono rivelate appropriate?
Le decisioni le prendiamo insieme. Io e mio marito la vediamo allo stesso modo e ci consideriamo sullo stesso livello. Naturalmente anche i nostri figli hanno voce in capitolo. Visto che siamo partiti da zero con questo tipo di lavoro, abbiamo investito molto tempo a imparare e ci siamo fatti guidare dal nostro istinto. Spesso siamo stati fortunati, nonostante le difficoltà e gli ostacoli, che non erano pochi.

Quindi ritiene che l’idea dell’azienda a conduzione familiare sia valida?
Per me assolutamente sì. L’azienda a conduzione familiare mi ha dato l’opportunità di mostrare molti sfaccettature. Tuttavia, noi donne dobbiamo fare attenzione a non farci carico di troppe cose. Il lavoro, la famiglia, la casa e poi magari anche il volontariato... Non dobbiamo per forza pretendere così tanto da noi stesse.

Breve biografia

Manuela Plankensteiner (cognome da sposata: Agreiter) è nata nel 1968 ed è cresciuta a Villa Ottone, vicino Gais. Dopo aver assolto una formazione come commessa, si è trasferita in Val Badia in giovane età. Lì ha lavorato in un negozio a San Cassiano, dove ha conosciuto suo marito Vito. I due si sono sposati, hanno avuto tre figli (Anna, Christian e Michael) e vivono insieme ai genitori di Vito nel maso storico "Lüch da Ciampidel". Piano piano, nel corso degli anni, hanno ampliato le loro attività e oggi, insieme ai due figli, gestiscono l'azienda agricola, che comprende l'allevamento, la macelleria e il negozio di prodotti agricoli, nonché la malga Ütia Saraghes, immersa in uno scenario da sogno, circondata dalle Dolomiti.

Anche questo potrebbe interessarti

Jessica Schwienbacher
Reinventarsi in un nuovo contesto

Jessica Schwienbacher

Annemarie Kaser
Nuova Presidente

Annemarie Kaser

Tessa Moroder (a destra)
Fare economia con lungimiranza

Tessa Moroder

Contact

Communication

0471 945 672